Astrologia Coaching Holistic Care Life Style Salute Uncategorized

Colui che ci sostiene, Il perineo

  • Sticky
  • settembre 24, 2018
  • By

CONFESSIONI INTIME

Come da sempre, il nostro corpo ci parla, e noi dobbiamo imparare di nuovo ad ascoltarlo….qui vi propongo delle chiavi di lettura per mettervi in ascolto del vostro corpo. 

Oggi si parla di un argomento un po “nascosto” e a volte anche tabù : Il perineo.

Cosa? Il perineoooo. Anche chiamato pavimento pelvico, è situato nel bacino, intorno all’osso sacro, quest’intreccio di muscoli rappresenta il nostro piedistallo. Benché di fondamentale importanza per la salute di tutti, non se ne sente parlare quasi mai in giro eppure sono tantissimi, donne  e uomini, che hanno problemi e magari non se ne rendono neanche conto. Diventa comunemente accettato che “dopo un parto, è cosi”, oppure “dopo una certa età, è normale, cede”… Ebbene io dico di no! Non è cosi “normale” ne “accettabile”. Abbiamo il diritto e anche il dovere di sentirci liberi di muoverci, ridere, correre, e fare tutto come prima o anche meglio di prima. Attenzione, l’allentamento del perineo, non è problema soltanto delle donne che hanno partorito.  No, no, siamo tutte/i a rischio. Giovanni, sportive/i, madre/padri di famiglia, in forma o sovrapeso…Allora concentriamoci un attimo laggiù.

Il perineo è simile ad un amaca , una rete di muscoli intrecciati che sostiene tutto il peso dei nostri organi, costantemente. Di conseguenza chi pratica tanta attività fisica dove il perineo è molto sollecitato (come la corsa, fitness con i salti,etc..), chi porta tanti pesi, passa tante ore in piedi, chi soffre di stitichezza cronica, insomma un po’tutti noi al quotidiano, siamo a rischio “crollo”

Quando parlo di crollo, ho ben misurato l’ampiezza della parola, perché cede il pavimento, da sotto i piedi.

Come ci si sente quando, adolescente, non si può fare sport con i compagni perché si ha delle perdite urinarie, oppure quando si perde aria al minimo sforzo, oppure si ha un’ernia inguinale o ancora quando si prova fastidio o addirittura dolore durante i rapporti sessuali, o semplicemente non si prova più piacere come prima…Indeboliti, fragili, esposti? Questo ovviamente, farà scattare tutti i meccanismi di difesa naturali che porta alla chiusura verso l’esterno, all’auto-esclusione e ciò non aiuta a risolvere il problema.

Su con il morale, gambe solide e alta la testa! 

Iniziamo a guardarci intorno: Quali sono le nostre basi, le fondamenta sulle quali poggiamo i piedi? Sono solide, forti, sicure?

Quando il perineo cede, ci invita a guardare ciò che sta crollando attorno a noi, e quali sono le fondamenta importanti della nostra vita che stanno scomparendo o profondamente cambiando. Si parla di trasloco importante, quando ci si mette a svuotare la cantina per liberare lo spazio per il nuovo avvenire. Quando si va incontro ad un cambiamento importante, il pavimento pelvico è un buon indicatore di come stiamo affrontando la situazione. Abbiamo sostegni esterni (famigliari, amici, società), abbiamo i nostri bisogni fondamentali coperti (un tetto, da mangiare, un’attività soddisfacente che ci appaga la mente e magari anche il portafoglio, una rete sociale per ricevere attenzione e amore)? Fare un screening del paesaggio che ci circonda è un primo passo verso la consapevolezza e la risoluzione del problema.

Sentirsi solidi, parte dal primo Chakra, il Muladhara , la radice dalla quale parte la nostra forza vitale, chiamata Kundalini, che ci permette di avere la spinta per iniziare nuove cose. Da lì abbiamo l’ancoraggio essenziale, l’equilibrio (pensate agli animali a cui hanno tagliato la coda e che  perdono l’equilibrio). Questo è il luogo da cui parte tutto. Stiamo andando incontro ad un cambiamento, quali sono i valori solidi e irremovibili dentro di me? Dove posso poggiare i piedi interiormente quando tutto attorno a me cambia e sparisce? Che cosa mi da forza, energia, (ricordiamo che invece il coraggio viene dal cuore, Cuor-Agio – agisco con Cuore)?

Trovare in se, il piedistallo dell’anima permettre di non sprofondare, di lasciare la Dea/il Dio dentro di noi prendere le redini delle nostre nuove azioni. Il Perineo, permette al nuovo di arrivare, Per I Neo, per il nuovo! Guardarlo in faccia, con il sorriso, fiduciosi che le cose arrivano al momento giusto e per il meglio.

Il pavimento pelvico sotto le stelle…

Dal punto di vista astrologico, può essere interessante visitare le case II e IV e salutare Saturno per capire cosa ci vuole insegnare . Sia il cielo natale che i transiti sono importanti da considerare nel caso di un problema del perineo. Primo, per capire quali sono le basi di partenza e secondo, quali sono gli strumenti nel periodo che stiamo vivendo.

La casa II ci dirà quali sono le risorse a disposizioni e come convocare le loro energie. Invece la casa IV, ci indicherà piuttosto come le nostre radici sono ancorate, e come permettere loro di affondare con più solidità e profondità. Saturno invece, questo pianeta che tanti odiano, e che io adoro, ci dirà com’è la nostra struttura interiore ed esteriore. Ovviamente i transiti saturniani, sono sempre sinonimo di cambiamento che, se vissuto in piena consapevolezza e lucidità, porterà frutti meravigliosi. Saturno non regala nulla che non sia dovutamente meritato.

In un mondo in costante movimento non è sempre facile orientarsi e mantenere l’equilibrio e la forza per sostenere tutto. La lezione che ci vuole regalare il nostro perineo è , secondo me, la seguente:

Quando tutto cambia, tutto sparisce, tutto sprofonda, torna dentro di te, alla base, alla fonte della tua energia e dei tuoi valori basilari, coloro che ti danno Luce. Curali, rinforzali con disciplina e costanza. Vedrai che man mano,  il tuo piedistallo interiore si rinforzerà, e con lui tornerà a splendere la tua Dea/il tuo Dio interiore, con il quale camminare mano nella mano verso questa nuova opportunità “.  

Alla settimana prossima

Sarah Khoudja

 

Per approfondire :

Il libro di Dr Bernadette de Gasquet : “Perineo. Fermiamo il massacro! Come prevenire e riabilitare le disfunzioni del pavimento pelvico”

Per ricevere supporto nella diagnosi o/e nella riabilitazione, per chi è a Roma, consiglio di rivolgervi alle ostetriche della casa maternità Zoè

In più, alcuni metodi alternativi per aiutare al rinforzo del pavimento pelvico 

Un metodo molto efficace per liberare il corpo da pesantezze e riprendere energia I bagni derivativi

Il mio consiglio per ricevere sostegno attraverso i Fiori di Bach, da fare preparare :  CherryPlum, Hornbeam,Larch,Walnut, Wild Oat.

 

Author Info

Sarah Khoudja